Burundi. Progetto di aiuto e sicurezza alimentare

Istituto Sindacale per la COoperazione allo Sviluppo

Burundi. Progetto di aiuto e sicurezza alimentare

donne in Burundi

 

Il Burundi è un Paese povero e difficile sia dal punto di vista economico che politico: la siccità e le malattie virali hanno decimato la produzione di radici e di tuberi come la manioca e la colocasia, da sempre le principali fonti di alimentazione delle famiglie, e nel 1993 una cruenta guerra civile, oltre ad aver seminato numerosi morti, ha distrutto la rete infrastrutturale del Paese causando lo spostamento di enormi masse di rifugiati che, rientrando nei villaggi di origine, hanno peggiorato l’emergenza alimentare.

donne in Burundi

Il progetto di Iscos Lombardia mira a ripristinare la coltivazione della colocasia tramite l’acquisto e la coltivazione di piante resistenti alle malattie virali.

Le attività di messa a coltura e di cura delle piante sono di responsabilità delle associazioni di contadini che ricevono assistenza tecnica e prodotti fitosanitari al fine di condurre con successo queste operazioni. Al momento del raccolto, una parte delle piante viene distribuita alle famiglie vulnerabili (composte per lo più da vedove), mentre i produttori trattengono per sé una parte per l’auto-consumo ed un’altra per la vendita.

Il progetto rientra in un programma più ampio di 30 mesi denominato “Programme d’aide et sécurité alimentaire au Burundi” finanziato dalla Delegazione della Commissione Europea in Burundi.

 

ASPETTATIVA DI VITA:50 anni (Fonte: Amnesty International 2010)

ALFABETIZZAZIONE:59,3% della popolaz. Adulta (Fonte: Amnesty International 2010)

DISOCCUPATI:6,4% (Fonte: World Bank 2004)

POPOLAZIONE CHE VIVE CON MENO DI 1 $ AL GIORNO:68% (Fonte: World Bank)

MORTALITA’ SOTTO I 5 ANNI:177/155% (Fonte: Amnesty International 2010)

GNI PER CAPITA: $ 380(Fonte: World Bank 2008)

 

Promotore:Iscos Lombardia

Settore d’intervento:sicurezza alimentare, sviluppo locale

Partner locali:Biraturaba e Direzione provinciale dell’agricoltura e dell’allevamento

Partner internazionali:Iscos nazionale, Università Cattolica-Smea, Anolf Lombardia, Fai Lombardia

Co-finanziatori:Fondazione Cariplo

Beneficiari: 900 contadini e 6.176 famiglie vulnerabili

Costo dell’azione:Euro 325.037,00

Durata del progetto:20 mesi (1° febbraio 2009 – 30 settembre 2010)

 (guarda il flyer del progetto)

 

{oziogallery 261}

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *