COMITATO “EXPO DEI POPOLI” A FA’ LA COSA GIUSTA

Istituto Sindacale per la COoperazione allo Sviluppo

COMITATO “EXPO DEI POPOLI” A FA’ LA COSA GIUSTA

Il Comitato Expo dei Popoli, di cui fa parte Iscos Lombardia insieme ad altre 21 associazioni, parteciperà alla manifestazione “Fa’ la costa giusta 2013” (FLCG) proponendo un momento di confronto comune con gli attori -istituzionali e non- del territorio del Parco Agricolo Sud Milano in preparazione di un percorso concreto che impegnerà Milano nel prossimo triennio, in vista di Expo 2015.

Il tema centrale dell’esposizione internazionale è l’alimentazione (“Nutrire il Pianeta. Energia per la vita”), aspetto cruciale dello stile di vita delle comunità da sempre oggetto di proposta e di dibattito nell’ambito di FLCG. La presenza consolidata in quella sede di operatori agricoli, di GAS, di associazioni della società civile renderà il momento di confronto particolarmente significativo anche in seguito alla recente approvazione da parte del Consiglio Comunale di Milano di una mozione che impegna il Sindaco Pisapia e la Giunta della città a sostenere l’Expo dei Popoli da qui al 2015, coinvolgendo quindi anche gli attori istituzionali.

Due gli obiettivi principali del dibattito:
avviare concretamente il confronto sui temi di Expo con alcuni dei soggetti principali dell’Esposizione Universale – Comune, Società Expo 2015, ecc – facendo emergere le richieste e le proposte degli attori del territorio del Parco Agricolo Sud Milano (anche eventualmente estendendo il riferimento al limitrofo Parco del Ticino);
presentazione del Manifesto del Comitato Expo dei Popoli in modo da sensibilizzare ed informare il pubblico di FLCG.
Nella tavola rotonda, si vogliono coinvolgere, oltre agli attori istituzionali, anche rappresentanti dei GAS, dei DESR e del DAM, agricoltori e trasformatori del territorio del Parco Agricolo Sud Milano, oltre alle principali esperienze censite sul territorio (dagli orti urbani alle esperienze più innovative come quella della fornitura di spesa con prodotti GAS per i pendolari, ad altre legate alla ricostruzione di filiere di prodotto). L’obiettivo trasversale è quello di illustrare con esempi concreti gli effetti che in futuro, in un’ottica integrata, questi modelli virtuosi potranno avere se adottati in territori più estesi, effetti di sostenibilità che si ripercuotono a livello locale e sovra-locale, ma anche a livello nazionale e nell’equità del rapporto “nord-sud” (questione dei sussidi, delle condizioni di lavoro, della non compatibilità ambientale delle produzioni in Paesi ove non esiste un’adeguata normativa, ecc). Questi temi assumono ancora più importanza in un’ottica post-Expo 2015 che si interroga sul futuro delle aree adiacenti la città dedicate ad attività non più solo industriali, ma agricole, ambientali e turistiche.

Iscos Lombardia sarà presente a FLCG all’interno dello stand della Cisl Lombardia con laboratori per le scuole, attività di sensibilizzazione e di informazione rivolte al pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *