BRASILE – COLOMBIA: UNA LOTTA CONTINENTALE

Istituto Sindacale per la COoperazione allo Sviluppo

BRASILE – COLOMBIA: UNA LOTTA CONTINENTALE

Mentre Capello viene convocato direttamente dal Cremlino per discutere il motivo dell’eliminazione russa alla prima fase e Julio Cesar and company sfogano la tensione di tutte le pressioni su di loro riversate in vari modi, noi ci interroghiamo sull’esito del match clou di questa fase: Brasile – Colombia. I padroni di casa occupano la terza posizione dal ranking Fifa, mentre la rivelazione del Mondiale, la Colombia, occupa l’ottava. Dato l’ultimo trend, probabilmente si andrà ai rigori. Sembra essere la moda del momento!

Potreste pensare che come criterio abbiamo scelto quello della produzione di cocaina, ma non ci siamo lasciati tentare da un dato tristemente risaputo. Non pensiate però che il Brasile sia messo molto meglio della Colombia. I parametri adottati sono stati altri: il debito pubblico, il numero dei turisti e le spese militari.

Il primo goal viene segnato dalla Colombia. Pensate che il Brasile ha un debito pubblico che ammonta al 59,2% del PIL e occupa la cinquantesima posizione della classifica mondiale. La Colombia invece registra un debito molto più basso, pari al 39,6% del PIL classificandosi alla novantunesima posizione mondiale. Per avere un’idea: l’Italia si posiziona al quarto posto e totalizza un debito pubblico pari al 133% del PIL.

Il secondo goal però viene segnato dal Brasile che si porta al pareggio. Il Paese carioca, infatti, è quello che ospita il maggior numero di turisti stranieri di tutto il Sud America. Secondo i dati dell’UNWTO, il Brasile ha accolto, nel 2012, 5.677 turisti stranieri, mentre la Colombia ne ha totalizzati solo 2.175.

A questo punto però il Brasile sferra l’ultimo attacco definitivo chiudendo il match a 2 a 1. Infatti, secondo le fonti della CIA, pare che il Brasile spenda l’1,44% del PIL per le forze armate, contro l’esorbitante 3,28% della Colombia. Bisogna però dire che la fascia d’età in cui si deve svolgere il servizio militare in Brasile è più ampia rispetto a quella colombiana. I cittadini brasiliani sono obbligati a svolgere la propria attività di leva tra i 18 e i 45 anni, mentre quelli colombiani tra i 18 e i 24.

Fonti:
CIA Factbook
UNWTO 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *