CORSO ATTIVISTI INTERNAZIONALI: IV Edizione

Istituto Sindacale per la COoperazione allo Sviluppo

CORSO ATTIVISTI INTERNAZIONALI: IV Edizione

immaginecorsoattivisti

immaginecorsoattivistiDal 5 al 7 ottobre si è svolto a Torino il “Corso Attivisti internazionali” in occasione della “Giornata Mondiale per il lavoro dignitoso”, il 7 ottobre. Il corso si è strutturato come seminario di approfondimento e ha coinvolto gli operatori di ISCOS, ANOLF e del DIPARTIMENTO INTERNAZIONALE delle USR CISL di Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Marche, i dirigenti sindacali della CISL, gli operatori e volontari delle associazioni e ONG delle regioni suddette e le sedi ANOLF di Marocco, Tunisia e Senegal

Il tema di mercoledì 5 ottobre ha riguardato il ruolo delle imprese private nella crescita economica e sociale nei Paesi in Via di Sviluppo. In tale occasione si sono susseguiti gli interventi di Marco Zupi, ricercatore del “CESPI” e Professore universitario, Marco Piccolo, imprenditore di un’impresa di cosmetici, Sergio Foglia Taverna, del lanificio “F.lli Piacenza” e Annalisa Gamba, responsabile del “Centro Estero per l’Internazionalizzazione del Piemonte”. Si è cercato di capire quale fosse la strada per una collaborazione tra imprese, ONG e sindacato in merito alla internazionalizzazione delle imprese italiane. La F.lli Piacenza è protagonista di una collaborazione profit-non profit con ISCOS Emilia Romagna, Piemonte e Toscana per l’importazione di lana di alpaca dal Perù; Piccolo e Taverna hanno inoltre condiviso le loro esperienze professionali in merito alla sostenibilità ambientale sottolineando come il ruolo del riciclo delle acque utilizzate a livello industriale sia fondamentale in questo senso.

La giornata di giovedì 6 ottobre ha avuto come tema l’evoluzione del fenomeno migratorio nel mondo globalizzato. Sono intervenuti: Andrea Stocchiero, ricercatore del CESPI, Carmelita Ammendola, responsabile del Dipartimento delle Libertà Civili e l’Immigrazione del Ministero dell’Interno, Franco Chittolina di Apiceuropa e Mohamed Saady, Presidente di ANOLF Nazionale. Gli interventi hanno riguardato le principali cause delle emigrazioni, che, come illustrato da Stocchiero, hanno assunto negli ultimi anni carattere “misto”, cioè sono interessate da un insieme di motivazioni diverse (disuguaglianze, cambiamento climatico, violazione dei diritti umani…) e non più da cause singole e scollegate tra loro. Si è inoltre analizzato come i governi stanno rispondendo all’emergenza migratoria e umanitaria e, infine, i rappresentanti delle sedi di ISCOS Lombardia, ANOLF regionali, ANOLF Marocco, Tunisia e Senegal hanno esposto le loro buone pratiche ed esperienze quotidiane a contatto con i migranti.

Il Corso si è concluso nella giornata di venerdì 7 ottobre, nella quale è stata istituita una tavola rotonda dove dapprima è stato riassunto il contenuto dei temi delle giornate precedenti e, in seguito, sono intervenuti: Mario Arca, Presidente dell’ISCOS, Giuseppe Casale, Direttore aggiunto CIF-OIL, il già citato Andrea Stocchiero, Pier Luigi D’Agata, Direttore Generale di Confindustria Assafrica e Mediterraneo, Andrea Ciampani, docente all’Università LUMSA di Roma, il già citato Mohamed Saady e Alessio Ferraris, Segretario Generale CISL Piemonte. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *