LABOUR FILM FESTIVAL, PROIEZIONE FILM “DREAMWORK CHINA”

Istituto Sindacale per la COoperazione allo Sviluppo

LABOUR FILM FESTIVAL, PROIEZIONE FILM “DREAMWORK CHINA”

Giovedì 19 settembre alle 20:15 a Sesto San Giovanni, nell’ambito della IX edizione del Labour Film Festival, ci sarà la proiezione di “Dreamwork China”, documentario prodotto da Iscos Nazionale.

I sogni, le speranze, i progetti per il futuro. I rischi, le fatiche, le lotte. E la consapevolezza (o meno) dei propri diritti. Sono questi i temi di cui parlano gli operai e i lavoratori impiegati nelle fabbriche e nelle aziende del sud della Cina protagonisti di “Dreamwork China”, documentario di Ivan Franceschini e Tommaso Facchin, prodotto da Iscos, che nasce per dare un volto e una voce ai lavoratori migranti cinesi di nuova generazione.
Fra la fine del 2010 e l’inizio del 2011, gli autori hanno viaggiato a Shenzhen e nella zona del Delta del Fiume delle Perle incontrando migranti, attivisti e organizzazioni della società civile che si occupano della promozione dei diritti sul lavoro. Da questo viaggio è nato un filmato di 55 minuti in cui questi giovani lavoratori parlano di se stessi, raccontando la vita quotidiana, le aspettative, le lotte per i diritti, i sogni di una nuova generazione di lavoratori nella fabbrica del mondo.
Nel mondo del lavoro italiano parlare oggi di Cina vuol dire riferirsi al fenomeno della delocalizzazione e alla conseguente perdita di occupazione in Italia, allo sfruttamento dei lavoratori cinesi ed alla necessità di far crescere i diritti, al dumping sociale e agli squilibri del commercio internazionale. Ma dietro alla grande economia emergente ci sono anche i valori e gli obiettivi delle persone che fanno crescere l’economia, l’impegno sociale di attivisti e operatori che cercano di trasformare la crescita in opportunità e dignità delle persone.
Comprendere una economia emergente significa saper vedere tutti gli aspetti che la sostengono e non guardare con rassegnato stupore al “declino dell’Occidente” e alla sua inarrestabile perdita di competitività. Dietro alla globalizzazione ci sono le persone, le culture e i valori per i quali le persone agiscono o soffrono: conoscerli vuol dire capire perché la globalizzazione può essere un’occasione di sviluppo o una sconfitta.
Dreamwork China ci offre una visione della globalizzazione che parte dalle persone e opera sulle persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *