Speciale iscosflash: non possiamo esimerci

Istituto Sindacale per la COoperazione allo Sviluppo

Speciale iscosflash: non possiamo esimerci

Non possiamo esimerci dal denunciare le tragedie occorse in questi giorni. E tributare il nostro omaggio alle famiglie delle vittime osservando un minuto di silenzio oggi alle ore 12.

AEREO ABBATTUTO NEI CIELI DELL’UCRAINA

Ieri un Boeing 777 della Malaysia Airlines decollato alle 12.15 da Amsterdam e diretto a Kuala Lumpur è stato abbattuto da un missile. A bordo c’erano 280 passeggeri e 15 persone di equipaggio. Non ci sono superstiti.

L’aereo è precipitato a circa 40 chilometri dal confine con la Russia vicino al capoluogo regionale di Donetsk, in una zona controllata dai ribelli filorussi.

Apprendiamo dall’agenzia stampa Reuters che i leader dei separatisti negano qualsiasi coinvolgimento e accusano dell’abbattimento l’aviazione di Kiev. Il governo ucraino ribalta le accuse, dicendo che i ribelli sono stati aiutati da agenti dell’intelligence militare di Mosca a sparare un missile a lungo raggio terra-aria SA-11. Verrà aperta un’inchiesta per accertare la realtà dei fatti.

Alcuni passeggeri avevano come destinazione finale Melbourne per una conferenza internazionale sull’Aids.

Per la Malaysia Airlines è il secondo tragico incidente quest’anno, dopo la misteriosa scomparsa a marzo del volo MH370, che è svanito con 239 persone mentre viaggiava tra Kuala Lumpur e Pechino.

GAZA

Dall’inzio dell’operazione Margine protettivo sono 260 i palestinesi rimasti uccisi, secondo quanto riferiscono fonti mediche nella Striscia, 2000 i feriti. Un soldato israeliano morto.

Secondo un portavoce militare israeliano, lo scopo dell’offensiva di terra israeliana lanciata giovedì non è rovesciare Hamas, ma annientare le infrastrutture da cui partono i razzi verso Israele e i tunnel come quello dal quale sono stati visti uscire tredici miliziani di Hamas, colpiti prima che potessero completare la loro operazione in territorio israeliano.
La decisione di fare seguire gli attacchi aerei con un’operazione via terra è stata presa da Israele dopo il fallimento dei negoziati egiziani.

Auspichiamo un immediato cessate il fuoco e un ripristino dei negoziati di pace.

Reuters Italia
Ansa
Euronews
Corriere della Sera

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *