CONSIGLIO DEL MESE: “NON DIRMI CHE HAI PAURA” – GIUSEPPE CATOZZELLA

Istituto Sindacale per la COoperazione allo Sviluppo

CONSIGLIO DEL MESE: “NON DIRMI CHE HAI PAURA” – GIUSEPPE CATOZZELLA

Per questo mese vi consigliamo una lettura leggera ma impegnativa allo stesso tempo, “Non dirmi che hai paura” di Giuseppe Catozzella, un romanzo di veloce scorrimento ma dai temi scottanti.

La protagonista, Samia, è una bambina somala con una grande passione, la corsa, che lotta per inseguire il sogno di partecipare alle Olimpiadi di Londra 2012 tenendo in mente le parole pronunciate un giorno dal suo papà: “Sei una piccola guerriera che corre per la libertà… Un giorno guiderai la liberazione delle donne somale dalla schiavitù in cui gli uomini le hanno poste. Sarai la loro guerriera, piccola mia.” . 

Samia sa che il suo destino è quello di dimostrare al mondo che, anche una povera ragazzina nata in una zona remota dell’Africa con meno dell’indispensabile per gareggiare e vittima del pregiudizio della gente per il fatto di non indossare il burka, può vincere le olimpiadi senza abbandonare la propria terra.
Grazie al suo sforzo e all’aiuto delle persone a lei più care arriva a partecipare alle Olimpiadi di Pechino e commuove il mondo. Al suo ritorno, però, qualcosa è cambiato e vicende personali e politiche del suo Paese la costringono ad affrontare “il viaggio”, che lei stessa definisce così: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto oppure conoscono qualcuno che l’ha fatto. E’ come una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto potrà durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”
La vicenda ci porta così a seguire le disavventure della protagonista che rispecchiano, trattandosi di una storia vera, il dramma che vivono molti dei migranti che ogni giorno affrontano gli infiniti km in terra africana e il mare che li separano dal sogno di una vita migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *